tempo di lettura 9 min.

Con la collaborazione della Dr.ssa Francesca Veronesi, Dentista, Ambulatorio di Odontoiatria Pediatrica a Novellara (RE).

Ogni 1-2 settimane esce la newsletter con nuovi articoli.

Iscriviti qui per ricevere subito la Newsletter. (e il mio ebook sul Primo Soccorso Pediatrico)

 La comparsa dei primi dentini è un evento molto atteso dai genitori, e un argomento di colloquio quotidiano nella mia attività di pediatra.

Quando arrivano? Fanno male? Danno febbre?

Qui trovi le risposte a tutte le tue domande e dubbi.

Per sapere come lavare bene i denti da latte puoi andare a questa pagina.

Per vedere tutti gli argomenti della categoria igiene e salute dentaria, puoi andare a questa pagina.

Quando spuntano i primi dentini?

Non capisco, il mio bambino di 9 mesi si mette tutto in bocca ma non vedo nessun dente ancora. È normale?

Si. Perfettamente normale.

​I denti da latte arrivano in genere dai quattro ai 12 – 14 mesi.

Versi 9 – 10 mesi genitori spesso sono preoccupati se il bambino non ancora il primo dentino. Invece questo è assolutamente normale.

Come faccio ad accorgermi che sta uscendo un dentino?

A volte, prima che il dente esca, vi è una piccola tumefazione della gengiva, che nel caso dei molari può anche essere notevole, spesso con la presenza di un piccolo ematoma sotto la gengiva.

 

Quanti sono i denti da latte?

I denti da latte sono 20. Quelli permanenti 32.

Quali sono i denti da latte?

Per ogni arcata dentaria, superiore e inferiore, abbiamo:

2 incisivi centrali e due laterali.

2 canini

4 molaretti.

In quale ordine escono?

a che età escono i denti da latte

 

I denti escono di solito in coppia, in modo simmetrico, anche se spesso un dentino anticipa di qualche giorno o settimana l’altro controlaterale.

Nell’infografica vedete a quanti mesi erompono normalmente i denti da latte.

Ma non sempre succede esattamente così.

Ci sono bambini di 14 mesi che hanno 12 denti e altri che  ne hanno 2, perchè hanno iniziato tardi.

I primi dentini che compaiono, verso i 7-10 mesi, di solito sono gli incisivi centrali inferiori, che sono sono molto affilati, per cui, anche se non li vedete, potete sentirli bene quando ad esempio mettete il dito in bocca. 

Successivamente compaiono i 4 incisivi superiori e poi i restante due incisivi laterali inferiori, verso i 10-15 mesi.

Dopo i 4 incisivi, sopra e sotto, compaiono i primi molaretti, verso i 15-18 mesi, poi i canini, 18-22 mesi, e alla fine, verso i 2-3 anni, i secondi molaretti.

Questa è l’evoluzione normale, ma a volte alcuni bambini hanno una struttura genetica diversa, e iniziano con i denti laterali.

Anche questo è assolutamente normale.

 

Ritardo nella comparsa dei denti da latte. Quali sono le cause? C’é da preoccuparsi?

Lucia ha 14 mesi e ancora nessun dente. Perchè? È ancora normale?

Si, per ora è normale. 

Quando si parla di vero ritardo?

Si parla di eruzione ritardata quando un dente ritarda di oltre sei mesi dalla data normale di uscita.  Ad esempio nel caso degli incisivi inferiori centrali, si parla di ritardo se non è ancora uscito verso i 16 mesi.

Oppure se un dente è uscito e quello controlaterale ritarda per più di sei mesi. (esempio è uscito l’incisivo centrale inferiore destro, ma non ancora il sinistro).

In caso di eruzione ritardata vera conviene consultare il proprio medico o odontoiatrica. 

 

Quali sono i disturbi legati alla dentizione dei bambini?

I segni più frequenti che riportano i genitori sono questi (Massignan, Pediatrics):

  1. il fastidio gengivale, con la gengiva gonfia e arrossata, e il bambino che si porta le mani in bocca continuamente.
  2. irritabilità.
  3. Salivazione eccessiva. Il bambino bagna il bavaglio molto più del solito.

 All’età del primo dentino normalmente i bambini esplorano gli oggetti con la bocca, e quindi portano a qualsiasi cosa che hanno in mano all’interno della bocca per masticarlo.

Però nel momento della dentizione questo succede con maggiore frequenza.

L’altra cosa che spesso si vede che il bambino un po’ più irritabile del solito, un po’ più lamentoso.

Un altro sintomo che si vede spesso sono le feci un po’ più liquide, probabilmente legata anche all’eccessiva salivazione.

Però in caso di diarrea occorre consultare il medico.

Per prevenire l’irritazione della pelle del mento o guande, che diventa arrossata, per la salivazione, conviene tenerla asciutta con un fazzoletto di cotone, senza frizionarla. Potete anche mettere una crema idratante al mattino e alla sera prima di coricarlo.

Però tutti questi sintomi sono di solito lievi, il bambino è un pò disturbato, ma fa le sue attività normali, mangia, ride, dorme. 

Se vi sembra sofferente, ad esempio con pianti insistenti, o con una irritabilità importante, fatelo controllare dal vostro medico, per escludere eventuali malattie. 

 

Cosa si può fare per alleviare questi disturbi della dentizione?

Andrea sta mettendo i primi dentini ed è molto più irritabile del solito. Non posso fare nulla? Vi sono dei farmaci che aiutano?

anello dentizioneNon vi sono farmaci specifici, ma sicuramente si può alleviare il fastidio del bambino in diversi modi.

Come prima cosa puoi massaggiare le gengive con un tuo dito magari dopo averlo lavato con acqua fredda.

Puoi dargli da mordere un anello da dentizione freddo, o un giocattolo specifico, messo prima in frigorifero per qualche ora.

Sono migliori gli anelli o i giochi in silicone, piuttosto che quelli che hanno un liquido dentro.

Li trovi in farmacia, oppure on line.

Per evitare il rischio di soffocamento, questi oggetti devono essere in un pezzo unico.

Questi anelli o giochi non devono essere messi nel congelatore, perchè il freddo eccessivo aumenta il dolore e può danneggiare la delicata mucosa gengivale.

neonato che si mette le mani in bocca

Oppure puoi anche proporgli un fazzoletto di stoffa bagnato che possa succhiare gli possa dare un po’ di sollievo alla gengiva.

Anche un succhiotto freddo lo aiuta.

Se il bambino ha superato i 6-7 mesi ed ha già iniziato ad assumere altri alimenti, puoi proporre frutta o verdure fredde.

Nelle fasi più acute, con gengiva gonfia, se il bambino continua a piangere, si possono dare anche degli analgesici, come il paracetamolo.

 

I Gel Dentizione. Sono utili? Che precauzioni? Vi sono rimedi omeopatici?

Sono utili e sicuri i gel gengivali per la dentizione?

Cosa contengono questi gel e come si usano?

Spesso contengono un anestetico locale, e magari anche un antisettico. 

Con un dito o un cotone si applica una piccola quantità di gel sulla gengiva, si friziona, e allora la gengiva diventa “intorpidita” per un breve periodo e il fastidio si riduce.  Poi il gel rapidamente viene diluito con la saliva e ingerito.

Vi sono molti prodotti in farmacia di composizione diversa. Per cui prima di usarli è meglio chiedere consigli al medico  o al famacista. In ogni caso meglio evitarli prima del quarto mese.

Infatti alcuni possono avere effetti collaterali anche pericolosi, soprattutto se contengono lidocaina o benzocaina o altri farmaci anestetici. (US Food and Drug Administration)

Stessa cosa per alcuni rimedi omeopatici che contengono Atropa Belladonna. Questi prodotti sono pericolosi. (US Food and Drug Administration). Inoltre spesso i granuli omeopatici contengono zuccheri, che possono favorire la carie.

E la collana di ambra o i braccialetti. Sono utili?

collana di ambraVa davvero di moda. È anche bella.

Molte mamme mi riferiscono che questi accessori alleviano il fastidio della dentizione del loro bambino. 

La teoria sarebbe che una piccolissima parte di olio di ambra viene assorbita dalla pelle del bambino e dovrebbe alleviare il fastidio dei primi dentini. 

Io personalmente non la consiglio. 

Non vi sono ricerche scientifiche che dimostrano il beneficio e in più questi oggetti possono essere pericolosi.

Come per ogni collana vi è il rischio di strangolamento, se la collana si incastra in qualcosa. Inoltre il bambino può mettere in bocca il braccialetto o la collana e staccarne un grano, con il rischio di ingestione o soffocamento.

 

Dentini e febbre? È vero o solo un mito?

Spesso i genitori pensano che la febbre sia causata dall’eruzione dei primi denti, soprattutto se questa elevata e se il bambino sta abbastanza bene e non ha disturbi specifici.

Non è un’idea corretta.

Gli studi scientifici hanno mostrato che l’eruzione dentaria può dare diversi sintomi, come detto sopra, ma non vera febbre. (Massignan, Pediatrics

 

Caduta denti da latte. Quando avviene?

Luca, 5 anni, non ha ancora perso nessun dente da latte. È normale? A che età cadono i denti da latte?

Sì è normale.

Di solito i primi denti da latte, gli incisivi centrali, cadono verso i 6-7 anni.

Poi cadono gli altri, nello stesso ordine in cui sono usciti.

Gli ultimi che cadono sono i secondi molari, verso i 10-12 anni.

Una curiosità.

In realtà non è vero che il dente da latte cade perchè quello definitivo lo spinge da sotto.

In realtà il dente da latte subisce una “erosione”, un riassorbimento della sua radice. Così ad un certo punto il dente da latte non è più attaccato alla gengiva, diventa mobile, poi cade. 

I denti da latte cadono tutti?

Normalmente si, anche se vi può essere una caduta ritardata. 

Oppure il dente definitivo erompe in modo alterato.

Vi sono alcune condizioni genetiche molto rare in cui manca il dente permanente e allora resta fino all’adulto il dente da latte. (Decker, Am J Hum Genet)

Denti da latte che non cadono. Perchè? Cosa fare?

Martina, 7 anni, non ha ancora perso i primi denti da latte, ma quelli definitivi sono già cresciuti, dietro agli incisivi. Cosa faccio?

È una situazione che vedo spesso. 

I denti possono ritardare la loro caduta per diversi motivi.

La causa più comune è una lunga permanenza del dente da latte, che non cade perchè la sua radice non si riassorbe, come dovrebbe succedere normalmente. 

Così il dente da latte resta adeso alla gengiva e non cade. 

I denti permanenti, es gli incisivi inferiori, crescono ugualmente e spuntano dalla gengiva, di solito dietro  ai denti permanenti. 

Quindi il bambino si può  trovare con 4 incisivi centrali inferiori. 

Cosa fare?

Il consiglio di Francesca (Dentista Pediatrico):

Quando i denti permanenti erompono ed il corrispettivo deciduo non è ancora caduto, ( evento molto frequente soprattutto a carico degli incisivi inferiori) ecco cosa consiglio.

Dite al vostro bambino, con le manine pulite, di giocherellare col dentino…facendolo vacillare.. dondolandolo avanti e in dietro…contare fino a 10. 

Il bambino dovrebbe fare questo “esercizietto” tante volte nell’arco della giornata, al fine di mobilizzare un po di più il dentino.

Ovviamente se nell’arco di un paio di mesetti il dente non vacilla un po di più occorre vederlo in studio per eventuale estrazione. 

 

Denti  permanenti. Quando escono?

Francesco, 9 anni. Sono usciti i canini superiori, ma sono usciti nella parte alta della gengiva. Gli altri denti sembra gli tolgono spazio.

 

bambina con eruzione denti permanentiIl primo dente permanente erompe verso i 6 anni di età. Poi escono gli altri, in successione abbastanza rapida, nell’arco di qualche anno.

Il cosiddetto “sovraffollamento” è comune. I denti escono rapidamente, con la mandibola ancora piccola senza spazio, e allora spesso i denti all’inizio possono essere un pò sovrapposti o uscire in ritardo, o in sedi anomale. 

In questo caso occorre fare una visita odontoiatrica per valutare se aspettare l’uscita degli altri denti permanenti o iniziare subito a fare qualcosa, come un apparecchio ortodontico.

 

Domande e Risposte Frequenti riguardo ai denti da latte.

Il mio bambino é nato con un dente. Cosa fare?

Succede abbastanza spesso. Di solito si tratta di un incisivo centrale inferiore.

Bisogna ricordare che non è un dente in più, per cui se possibile è meglio non toglierlo. 

Infatti si toglie solo se il dente crea problemi per l’allattamento, o è così mobile che il bambino potrebbe inalarlo.

Quando dovrei portare il mio bambino alla prima visita odontoiatrica?

Meglio non aspettare troppo. 

Può andare bene anche verso i 12 – 15 mesi, così il dentista, che deve essere esperto di bambini, ti darà consigli specifici per prevenire la carie e mantenere un’ottima igiene orale.

Inoltre è stato dimostrato che più il bambino fa la visita odontoiatrica preso, meno avrà bisogno di cure dentarie in futuro. (Nowak, Pediatr Dent)

Per il mio bambino va bene un dentista generale o un dentista specializzato in bambini?

Sicuramente un bambino con denti da latte viene valutato molto bene da un dentista esperto in bambini.

Un dentista specializzato è come il pediatra dell’odontoiatria. In pratica è un professionista che vede molti bambini nel suo ambulatorio, oppure anche solo bambini.

Ma sono davvero importanti i denti da latte del mio bambino?

Molti genitori non credono che i denti da latte siano davvero importanti, perchè tanto poi cadono tutti.

È un’idea completamente sbagliata.

I denti da latte sono molto importanti per diversi motivi.

Ad esempio sono fondamentali per la masticazione, quindi per la crescita e la salute del bambino.

Se i denti sono cariati danno fastidio durante la masticazione, che quindi sarà alterata, con diversi problemi di crescita e salute.

Inoltre sono essenziali per il linguaggio.

Infine la salute dei denti da latte è importante per la salute, e corretta eruzione, dei denti permanenti. I denti da latte devono mantenere lo spazio per la loro crescita, altrimenti c’è il rischio che il dente permanente cresca storto.

Il dente da latte cariato va curato?

Per i motivi detti sopra, assolutamente si.

Il dente da latte con carie va curato esattamente nello stesso modo di un dente permanente.

Come faccio a prevenire la carie nel mio bambino?

Ho preparato una pagina dedicata a questo argomento che puoi vedere qui.

Cosa faccio se il mio bambino piccolo ha mal di denti?

Potete irrigare i denti che fanno male, con soluzione fisiologica tiepida o calda (se vi è una carie l’acqua fredda fa male).

Se il bambino ha una guancia gonfia, sintomo di ascesso, potete mettere un fazzoletto bagnato con acqua fredda sulla zona.

Poi in caso di male potete dare ibuprofene o paracetamo, e cercate di contattare il prima possibile un dentista. 

L’abitudine al ciuccio, o al pollice in bocca, sono dannosi per la dentizione del mio bambino?

Il ciuccio o il pollice in bocca diventano un problema se il bambino li usa spesso e per lunghissimo tempo.

Se possibile conviene disabituare il bambino a questi mezzi di conforto verso i due anni.

Nel caso non sia possibile e il bambino ha quasi tre anni di età, sicuramente è meglio consultare il dentista per un controllo.

Come posso evitare la cosiddetta carie da latte?

È meglio evitare di allattare il bambino mentre dorme, e conviene dargli da bere solo acqua se si sveglia di notte.

Poi è importante imparare come pulire in modo ottimale i denti del bambino, fin dalla loro uscita, e anche un pò prima.

Anche una visita precoce dall’odontoiatra, verso l’anno, è utile per individuare i primissimi segni di carie e per imparare come evitarla.

Quando bisogna togliere i denti da latte?

In alcune condizioni anche un dente da latte va tolto. 

Ad esempio se il dente non cade, è ancora bene attaccato alla gengiva e il dente permanente non riesce a erompere correttamente. 

Oppure se il dente da latte è cariato in modo importante e non è più possibile curarlo, o se siamo vicini all’età della sua caduta. 

Perchè il dente da latte diventa scuro e cosa fare?

La causa più frequente responsabile della colorazione scura o nera del dente è la carie. 

Oppure il dente cambia colore per un trauma. 

In ogni caso conviene fare una visita dall’odontoiatra.

Il dente da latte è caduto per un trauma. Cosa bisogna fare?

Se il dente da latte viene perso per un trauma, al contrario di un dente permanente, non bisogna cercare di rimetterlo a posto. 

Me è comunque consigliabile una visita odontoiatrica per valutare problemi al dente permanente sottostante.

Per sapere tutto sui traumi dentari nei bambini, puoi andare a questo articolo.

 

Conclusioni.

Anche se possono arrivare in ritardo, verso i 12-15 mesi, i denti da latte prima o poi arrivano.

Non danno grossi problemi di salute, in particolare se il bambino ha febbre, è dovuta ad un’altra causa normalmente.

Però l’eruzione può essere fastidiosa. Ma fortunatamente vi sono diversi metodi per aiutare il tuo bambino.

Per sapere tutto sulla dentizione, anche dal punto di vista scientifico, potete andare a questo articolo di wikipedia.

 

Denti da Latte: Referenze Bibliografiche

Massignan C e al. Signs and Symptoms of Primary Tooth Eruption: A Meta-analysis. Pediatrics. 2016;137

US Food and Drug Administration. Lidocaine Viscous: Drug Safety Communication- Boxed Warning Required – Should Not Be Used to Treat Teething Pain.

Ogni 1-2 settimane esce la newsletter con nuovi articoli.

Iscriviti qui per ricevere subito la Newsletter. (e il mio ebook sul Primo Soccorso Pediatrico)