immunostimolanti. broncho vaxom broncho munal

Immunostimolanti: Broncho Vaxom o Broncho Munal. Sono sicuri e servono?

tempo di lettura 6 min.

In questo articolo potrete conoscere tutto sugli immunostimolanti Broncho Vaxom o Broncho Munal (hanno la stessa composizione).

Cosa sono, come funzionano, le indicazioni, come si usano e tante altre informazioni.

Qual’è la composizione di questi immunostimolanti?

La composizione di queste due marche di immunostimolante è la stessa (in Svizzera è commercializzato solo il Broncho vaxom)

Sono dei lisati batterici. In pratica le cellule del batterio sono state sciolte, per cui non sono più attivi e patogeni, ma mantengono la loro capacità di stimolare il sistema immunitario.

I batteri liofilizzati presenti negli immunostimolanti sono tra i più comuni responsabili di patologie, come l’emofilo influenzae, lo streptococco pneumoniae e altri.

Quali confezioni sono disponibili in farmacia?

Vi è un prodotto per adulti: Bronco Munal o Broncho vaxom capsule adulti: 7 mg di lisati batterici liofilizzati (scatola da 10 o 30 capsule)
Poi due prodotti per bambini:
Bronco Munal o Broncho vaxom capsule bambini: 3.5 mg di lisati batterici liofilizzati (scatola da 10 o 30 capsule)
Bronco Munal o Broncho vaxom bustine bambini: 3.5 mg di lisati batterici liofilizzati (scatola da 30 capsule)

Come funzionano gli immunostimonati come il Broncho vaxom e broncho munal?

Come risponde un bambino ad una infezione?

Ogni volta che il bambino viene in contatto con un germe, batterio o virus, l’organismo si difende in due modi.

All’inizio inizia a produrre delle cellule di difesa generali che cercano di attaccare e distruggere il germe, e qui si parla di “immunità non specifica”.

Successivamente inizia la “immunità specifica” con la produzione di anticorpi specifici verso quel determinato tipo di virus, con il coinvolgimento anche di cellule di difesa.

Questa immunità resterà in memoria e il bambino non contrarrà più quella determinata malattia.

Ad esempio dopo una varicella il bambino è immune verso questo virus ed è protetto verso questa malattia in futuro.

Cosa fanno gli immunostimolanti?

Questi farmaci sembra che stimolino il sistema immunitario e aumentino le difese naturali del bambino.

Gli immunostimolanti, come il Broncho Vaxom o Broncho Munal, sono dei farmaci che producono un rinforzo del primo tipo di risposta sopra, l’ “immunità non specifica”, cioè non diretta verso un determinato virus o batterio, ma aumentano le difese generali.

Infatti sono stati dimostrati un aumento dei linfociti circolanti, degli anticorpi salivari e delle mucose delle vie respiratorie, e una risposta alla stimolazione immunitaria non specifica.

Invece, per fare un esempio, i vaccini, aumentano il secondo tipo di immunità, quella specifica, per cui il bambino si vaccina contro il morbillo e non si ammalerà di questa malattia.

Quali sono le indicazioni degli immunostimonati come il Broncho Vaxom o Broncho Munal?

Questi farmaci si usano in bambini che hanno avuto infezioni respiratorie ricorrenti (con sintomi come febbre, tosse o raffreddore), per ridurre il numero di infezioni.

Quindi dovrebbero ridurre il numero di otiti, bronchiti, rinofaringiti.

Cosa indicano le ricerche scientifiche su questi immunostimolanti? Sono efficaci?

Nel complesso i risultati ci dicono che gli immunostimolanti dovrebbero ridurre il numero di infezioni di circa il 40%, anche se molti studi sono di scarsa qualità come metodo.

Inoltre in una revisione sistematica recente, del 2018, (in pratica una sintesi degli studi fatti finora), viene evidenziato che questo immunostimolante, oltre a ridurre il numero delle infezioni, può ridurre il numero di giorni in terapia antibiotica, e la durata delle infezioni, febbre e tosse, con un aumento del numero delle immunoglobuline.

Quali sono le controindicazioni a questo farmaco? Quando non si può prendere?

Gli immunostimolanti come il Broncho Vaxom o Broncho Munal non possono essere assunti in questi casi:

– bambini con età inferiore a un anno,

– gastroenterite acuta in atto,

– un mese prima di una vaccinazione,

– in caso di reazione allergica al prodotto o a uno dei componenti (guardare sempre la composizione),

– se il bambino presenta delle malattie autoimmuni (come diabete, artrite giovanile, malattia celiaca, tiroidite, o altre),

– problemi renali o al fegato, come un bambino seguito per insufficienza renale,

– il bambino è in terapia cronica con un immunosoppressore, cioè un farmaco che riduce la risposta del sistema immunitario. (es. un cortisonico o un farmaco dopo un trapianto). In questi casi l’efficacia del farmaco è nettamente diminuita.

Qual’è la posologia? Come e quando devono essere assunti il Broncho Vaxom o Broncho Munal?

 Questi immunostimolanti vanno assunti una volta al giorno, per 10 giorni consecutivi ogni mese.

broncho vaxom o broncho munal posologia

La posologia varia a seconda dell’età.

Gli adulti o adolescenti con età superiore a 12 anni prenderanno la capsula da 7 mg.

I bambini assumeranno una capsula o una bustina da 3,5 mg.

Se il bambino ha difficoltà ad assumere la capsula, questa può essere aperta e il contenuto versato e fatto sciogliere in una bevanda (come latte, o un succo di frutta, o sciroppo o acqua o altro). Stessa cosa ovviamente per le bustine.

Il farmaco va preso a digiuno.

Il broncho munal o broncho vaxom va iniziato prima del nuovo anno scolastico?

 Spesso si fa il trattamento ad inizio stagione, per evitare che il bambino che ha avuto molte infezioni l’anno prima, le abbia ancora.

Il mio parere è diverso.

Io sconsiglio di assumerlo a inizio stagione.

Qual è il motivo?

All’inizio dell’anno scolastico non si può sapere se il bambino ha sviluppato abbastanza anticorpi per difendersi bene da solo. Quindi magari quest’anno si ammalerà poco o niente.

In questo caso l’immunostimolante sarebbe inutile e con il rischio di effetti collaterali.

Il mio parere è che conviene aspettare come va nelle prime settimane.

Se il bambino inizia ad ammalarsi come prima, con episodi ripetuti di raffreddore, febbre o tosse, allora si inizia l’immunostimolante come il broncho vaxom o broncho munal, una dose ogni giorno, 10 giorni al mese per tre mesi.

Posso comprarlo in farmacia e darlo senza consultare il medico?

No.

L’immunostimolante va sempre somministrato dopo indicazione precisa del pediatra, che valuterà anche il periodo migliore per iniziare e se non vi sono controindicazioni alla sua assunzione.

Il broncho vaxom o broncho munal possono essere presi insieme ad altri farmaci?

In genere si. Ad esempio, anche se il bambino è in terapia con antibiotici o farmaci per la febbre, può assumere insieme anche l’immunostimolante.

Soprattutto se il bambino ha appena iniziato, da qualche giorno, a prendere il farmaco, meglio sospenderlo se compare febbre.

Questo perché la febbre alta può essere un effetto collaterale rado del farmaco. Se il bambino ha anche raffreddore è più probabile che si tratti di un’infezione virale contemporanea. Meglio comunque fare visitare il bambino.

Però attenzione a non darlo se si sta utilizzando un immunosoppressore, come il cortisone.

Poi è meglio lasciare passare un mese tra la fine del ciclo con il Broncho Vaxom o Broncho Munal e una vaccinazione.

Per avere maggiore protezione, posso dare insieme un altro immunostimolante?

Esistono diversi tipi di immunostimolanti.

Però meglio evitare la loro somministrazione insieme al broncho vaxom o broncho munal, per non correre il rischio di aumentati effetti collaterali.

Quali sono gli effetti collaterali di questi farmaci?

Di solito gli immunostimolanti come il broncho vaxom o broncho munal sono farmaci abbastanza ben tollerati, ma non sono privi di effetti collaterali.

Questi possono avere una frequenza diversa.

Quelli più comuni, (circa un bambino ogni 10-100) sono tosse, mal di testa, diarrea o mal di pancia, eruzione cutanea.

Altri effetti meno frequenti (circa un bambino ogni 100 – 1000) sono reazioni allergiche sia lievi, con eruzione cutanea, sia importanti, con orticaria, rigonfiamento del volto, difficoltà respiratoria, con crisi di asma. Oppure il bambino può avere nausea o vomito. O affaticamento.

Il broncho vaxom o broncho munal può dare reazioni più rare come la febbre elevata, sopra i 39°C.

Un solo caso di reazione gravissima della pelle è stato riportato.

Il mio bambino ha ingerito per sbaglio tutte le capsule della confezione. Corre dei pericoli? Devo chiamare il centro antiveleni?

Normalmente no. Non é possibile arrivare alla dose tossica, quindi si può stare tranquilli.

Tuttavia conviene contattare comunque il pediatra o il centro antiveleni.

Ieri ho dimenticato di dare la bustina o capsula. Oggi posso dare una dose doppia?

No. Meglio dare la dose normale.

Come si conserva l’immunostimolante come il broncho vaxom o broncho munal?

Il farmaco va conservato nella sua confezione a temperatura ambiente (15-25°C)

Ogni 1-2 settimane esce la newsletter con nuovi articoli.

Iscriviti qui per ricevere subito la Newsletter. (e il mio ebook sul Primo Soccorso Pediatrico)

Referenze Bibliografiche.

Yin J e al. Broncho-Vaxom in pediatric recurrent respiratory tract infections: A systematic review and meta-analysis. Int Immunopharmacol. 2018 Jan;54:198-209

Pin It on Pinterest

Share This