Il tuo bambino è sicuro nel seggiolino auto? Ecco cosa devi sapere

Last Updated on 3 Agosto 2022 by Dott. Sandro Cantoni

Home » Età » Crescita Sviluppo » Sicuro nel seggiolino.

Tempo di lettura: 14 minuti

In caso di incidente, solo un seggiolino adatto protegge il bambino che si trova sull’auto. Non vanno bene le sole cinture di sicurezza e neppure la trattenuta del bambino in braccio. 

Questo perchè la composizione del corpo di un bambino è diversa da quella di un adulto. La testa è molto più grande, in proporzione, e le ossa sono fragili. 

Secondo le statistiche un bambino su due non è assicurato correttamente in auto. 

Uno su 10 non è neppure allacciato. 

In questi casi il rischio di lesioni gravi o di morte, in caso di incidente, aumenta nettamente. 



Come e dove mettere i seggiolini

Il posto più sicuro per tutti è il sedile posteriore. 

La cinture devono aderire perfettamente al corpo del bambino. Meglio togliere il piumino invernale. 

Nei periodi di freddo si può preriscaldare l’auto, e mettere una coperta al di sopra delle cinture. 

Come utilizzare il seggiolino alle varie età?

Dalla nascita a 18 mesi

I bambini dovrebbero essere trasportati il più a lungo possibile nel senso contrario al senso di marcia e nel sedile posteriore. . 

Se il seggiolino, per qualsiasi motivo, ad esempio una macchina a due posti, viene posto sul sedile anteriore, attenzione a disattivare l’airbag frontale del sedile passeggero. 

Nei seggiolini omologati secondo la nuova norma ECE-R29 i bambini devono viaggiare nel sedile posteriore fino a 15 mesi. 

Un cambiamento al seggiolino della categoria superiore si effettua quando la testa supera il bordo del seggiolino. Non è necessario cambiare se fuoriescono solo i piedi. 

Dai 18 mesi a 4 anni

A questa età i bambini possono essere trasportati in un seggiolino sistemato nella direzione di marcia. 

Il seggiolino deve essere agganciato con sicurezza all’auto, meglio con il sistema isofix. 

Il seggiolino non deve essere “traballante”.

Il cambiamento del seggiolino alla categoria superiore si effettua quando la testa supera il bordo del seggiolino. 

Bambini da 4 a 12 anni

Per ottenere una sicurezza ottimale, è una maggiore comodità, anche per i bambini di questa età conviene utilizzare un seggiolino con schienale. 

Consigli di sicurezza. 

La regola d’oro è questa: chiunque è in auto, davanti o dietro, deve allacciare le cinture. Anche se sono presenti gli air-bag. 

Spesso si crede che se si viaggia dietro si è più sicuri, anche senza cinture. Magari in caso di scontro ci si regge alle maniglie delle portiere. 

Questo è completamente falso. Anche con un impatto a bassa velocità, l’energia dello scontro vince la forza muscolare di qualsiasi persona. Quindi anche per i passeggeri posteriori è importante, e anche obbligatorio per legge, allacciare le cinture. 

Inoltre spesso si crede che, per un breve percorso, basta tenere in braccio il bambino sul sedile posteriore e si è al sicuro. Magari lo si porta con una cintura che abbraccia il genitore e il bambino. 

Non fatelo. La forza centrifuga di un impatto è tale che il bambino parte come un proiettile contro le strutture dell’auto, come dimostrato dai crash-test, come nel video che vedete sotto.

Seggiolini norme di omologazione. 

Per la omologazione dei seggiolini auto vi sono due norme o regolamenti europei attualmente in vigore. La ECE R44 e la più recente ECE R129 detta anche “i-size”. 

Vediamole una per una. 

Norma ECE R44

Questa è la norma della Commissione Economica per l’Europa delle nazioni unite che ha per oggetto la regolamentazione dei dispositivi di ritenuta per bambini in auto. 

Cioè i seggiolini e i rialzi. 

Questa norma è arrivata alla quarta edizione  (ECE R44/04)

In questa legge si parla di omologazione, installazione e presenza o meno di sostanze tossiche. 

Questa norma divide i seggiolini in base al peso, con anche l’indicazione dell’età del bambino. 

Allora abbiamo i seggiolini gruppo 0, 1 ecc.  

Due gruppi vicini hanno una certa sovrapposizione come pesi, per consentire di cambiare il seggiolino con calma. 

Con questa norma è consentito il trasporto in senso di marcia a partire dai 9 kg.

Questi seggiolini sono installabili su tutte le auto. I seggiolini Isofix possono essere posizionate solo sulle auto compatibili. 

È consentito l’utilizzo e l’acquisto di seggiolini con etichetta ECE R44.03 o .04.

(Gli .01 e .02, omologati prima del 1995, non sono più consentiti perché non sicuri)

Norma ECE R129

Invece il nuovo regolamento ECE R129 non considera il peso, ma l’altezza del bambino.

Quindi i genitori, se desiderano un seggiolino omologato R129, non lo sceglieranno in base al peso, ma in base all’altezza. 

Quindi questi seggiolini non sono divisi in gruppi (0, 0+, 1 ecc…), ma ogni costruttore stabilisce le fasce di altezza adatte per ogni modello. 

Per avere questa omologazione i seggiolini auto devono superare una prova di impatto laterale.  Con questi seggiolini tutti i bambini devono essere trasportati rivolti all’indietro, in senso contrario alla marcia, fino a 15 mesi. 

Questa omologazione può essere ottenuta anche dai seggiolini Isofix, con piede di supporto. Ma possono essere utilizzati solo nelle auto dotate di sedili specificatamente contrassegnati come “i-Size”.

Quindi prima di acquistare un modello di seggiolino omologato ECE R129 è importante verificare che le proprie auto siano idonee al suo utilizzo. 

Seggiolini auto. La normativa italiana

L’articolo 172 del codice della strada, che regola il trasporto dei bambini in auto con seggiolini, è stata modificata a gennaio 2017. 

Con l’evoluzione tecnica dei seggiolini per auto, con modelli sempre più sicuri e confortevoli, cambia anche la normativa, sempre con l’obiettivo di una maggiore sicurezza del bambino in auto. 

Le novità riguardano i tipi di seggiolini da utilizzare. Ora si può scegliere il seggiolino non solo in base al peso (gruppi 0, 0+, 1, ecc..) secondo la norma ECE R44. 

Infatti si possono scegliere i seggiolini anche in base all’altezza, con i nuovi modelli omologati ECE R129 (“i-size”),  se i sedili dell’auto sono predisposti. 

La sigla ECE o UN, significa Commissione Economica per l’Europa delle Nazioni Unite. 

Questa commissione si occupa della regolamentazione dei sistemi di ritenuta per bambini quando viaggiano in auto. 

Inoltre c’è l’obbligo di posizionare il bambino rivolto all’indietro, cioè in senso contrario di marcia, fino a 15 mesi.  Il posto più sicuro è il sedile centrale posteriore. 

Il bambino deve essere trasportato in auto sul seggiolino fino a 12 anni, o 150 cm di altezza. 

Se l’altezza è superiore a 150 , anche ad età inferiore a 12 anni, si possono usare le cinture normali e non vi è più l’obbligo del seggiolino

Ma i rialzi sono vietati per tutti i bambini con un’altezza inferiore a 125 cm, che allora devono usare un seggiolino con schienale. 

Non vi è più l’obbligo dei seggiolini Isofix tra 100 e 150 cm di altezza. 

La nuova legge specifica anche che sono vietati i seggiolini prodotti prima del 1995, cioè quelli con omologazione ECE R44.01 e .02

Sono ammessi solo i seggiolini con etichetta di omologazione ECE R44.03, ECE R44.04 e ECE (o UN) R129 (i-size). 

La nuova normativa ECE R129

Questa normativa, chiamata anche i-Size, ha stabilito l’obbligo dei seggiolini con Isofix fino a 100 cm di altezza. 

Questa normativa prevede che il seggiolino sia classificato in base all’altezza e per essere omologato deve superare anche dei test di impatto laterale. 

Inoltre ogni seggiolino auto omologato R129 deve avere uno schienale. 

Ricordo ancora che la normativa R129 non sostituisce la R44/04 o 03 ma la affianca. I seggiolini omologati per una delle due sono a norma. 

Il sistema Isofix 

È il sistema migliore per agganciare il seggiolino all’auto. Rispetto al montaggio con le cinture di sicurezza è nettamente più sicuro, perché il seggiolino è fissato direttamente sul sedile dell’auto. Inoltre l’aggancio è più rapido e semplice. 

Dal 2006 tutte le nuove auto devono essere predisposte per questo sistema. 

L’auto presenta due ganci universali fissati alla carrozzeria e che escono dal sedile, tra lo schienale e la seduta, permettendo un aggancio perfetto con il seggiolino. In pratica sono due anelli di acciaio. Questo facilita il montaggio corretto del seggiolino e crea un fissaggio rigido, stabile e sicuro tra questo e il sedile. 

Per evitare il ribaltamento esiste un terzo punto di ancoraggio, di due tipi. 

Il cosiddetto support leg, o piede di supporto, viene fissato perpendicolarmente al seggiolino davanti al sedile. Non tutte le auto sono predisposte per questo supporto. Si trova di solito nei seggiolini gruppo 0+ e 1

Oppure il cosiddetto top tether, in pratica una cintura che si trova direttamente nel seggiolino, che si aggancia in un punto predisposto dell’auto, indicato con il simbolo di una piccola ancora. Di solito questo punto si trova nel portabagagli, o sul soffitto dell’auto o dietro al sedile anteriore. Si trova di solito nei seggiolini gruppo 0+ e 1

I seggiolini isofix gruppi 2 e 3, come sistema anti ribaltamento, utilizzano in genere le cinture di sicurezza dell’auto, che bloccano sia il bambino che il seggiolino. 

I sistemi isofix dei seggiolini ECE R44/04 

Ne esistono tre tipi. 

ISOFIX universale

Può essere utilizzato su tutte le auto che prevedono l’aggancio isofix. Utilizzano il top tether come terzo punto di fissaggio anti ribaltamento. 

ISOFIX semi-universale

Il sistema utilizza il piede di supporto con terzo punto di fissaggio, che non è compatibile con tutte le auto. Controllate il libretto della vostra automobile. 

ISOFIX specific vehicle

Sono seggiolini che si possono agganciare solo in alcune auto predisposte.

Sistema isofix dei seggiolini ECE R129 o i-Size 

Ne esistono di due tipi

ISOFIX universale

Può essere agganciato in ogni posto a sedere di un veicolo compatibile i-Size. 

ISOFIX specific vehicle

Sono seggiolini che si possono agganciare solo in alcune auto predisposte.

I gruppi di seggiolini. 

La normativa europea ECE R44 classifica i seggiolini in base al peso. 

Allora abbiamo 5 gruppi di seggiolini auto

Gruppo 0: fino a 10 kg (0-9 mesi)

Gruppo 0+: fino a 13 kg (0-15 mesi)

Gruppo 1: dai 9 ai 18 kg 

Gruppo 2: dai 15 ai 25 kg

Gruppo 3: dai 22 ai 36 kg

Seggiolino auto gruppo 0 

Per bambini con un peso fino 10 kg (0-9 mesi)

Si chiamano anche navicelle, o lettini da viaggio,  perché in pratica sono piccoli lettini in cui il bambino sta coricato mentre viaggia. 

Questa navicelle devono avere il marchio di omologazione per auto. 

Si mettono nel sedile posteriore e si assicurano con le cinture di sicurezza, tramite un kit specifico (vedere)

Vanno posizionati sul sedile posteriore paralleli allo schienale. 

All’interno della navicella vi sono delle cinture di sicurezza integrate. 

Sono agganciati all’auto con dei kit venduti con la navicella. 

A volte sono acquistati con il cosiddetto “trio” (navicella, passeggino e ovetto insieme)

Non è una soluzione molto sicura. Meglio utilizzare direttamente l’ovetto. 

Seggiolino auto gruppo 0+

Per bambini con un peso fino 13 kg (0-15 mesi)

Vengono chiamati Ovetti. Danno una protezione superiore alle navicelle.

Sono regolabili e inclinabili, così il bambino può stare in posizione sdraiata o appena rialzata. 

Si posizionano nel senso contrario al senso di marcia. 

La posizione migliore è sul sedile posteriore. 

Nel caso questo non fosse possibile, es nell’auto a due posti, è fondamentale ricordarsi di disattivare l’air bag lato passeggero. Meglio anche allontanare il sedile dal cruscotto il più possibile. 

L’ovetto si aggancia al sedile con le cinture di sicurezza dell’auto o con il sistema isofix. 

Con questo tipo di seggiolino vengono spesso acquistate basi auto indipendenti, che si agganciano o con le cinture di sicurezza dell’auto o con il sistema isofix, migliore per la stabilità. 

L’ovetto presenta all’interno le proprie cinture integrate. 

Molti ovetti si integrano con il passeggino, così che è molto semplice passare dal giro in auto alla passeggiata. 

Si toglie l’ovetto dall’auto e si inserisce nel telaio. 

Il tutto mentre magari il bambino dorme. 

Seggiolino auto gruppo 1

Per bambini con un peso da 9 a 18 kg (da 15 mesi fino a 4-5 anni).

Questi seggiolini possono essere posizionati solo nel senso di marcia. 

Si agganciano al sedile con le cinture di sicurezza, che viene fatta passare nelle apposite strutture all’interno del seggiolino, o con il sistema Isofix nelle auto predisposte. 

Il seggiolino ha le proprie cinture di sicurezza incorporate per assicurare il bambino. 

Seggiolino auto gruppo 2

Per bambini con un peso da 15 a 25 kg (da 4 a 6 anni circa)

Anche questi seggiolini hanno uno schienale, che è obbligatorio fino a 125 cm di altezza. 

Sono detti anche “rialzi”, perché con questi seggiolini il bambino utilizza le cinture di sicurezza dell’auto, che vengono posizionate nel modo normale, sopra il bacino e la spalla. 

Hanno braccioli, schienale e spesso protezioni laterali per la testa. 

Lo schienale è obbligatorio fino a 125 cm di altezza. 

Il bambino viaggia nel senso di marcia. Il posto più sicuro è il sedile posteriore. 

Se il bambino viaggia nel sedile anteriore, conviene allontanare il sedile dal cruscotto, ma lasciare inserito l’airbag. 

Seggiolino auto gruppo 3

Per bambini con un peso da 22 a 36 kg (da 6 a 12 anni)

Si chiamano anche adattatori o booster con o senza schienale. In pratica aumentano l’altezza del bambino, in modo tale che possono essere usate le cinture di sicurezza già presenti sull’auto. 

Fino a 7-8 anni, con i rialzi senza schienale spesso la cintura è posizionata in modo scorretto, perché il bambino è troppo piccolo. Conviene allora usare l’apposito gancio, presente nel rialzo, che consente una regolazione e posizione corretta della cintura di sicurezza. 

Quelli con schienale proteggono maggiormente in caso di impatto laterale e consentono un posizionamento della cintura di sicurezza ottimale. 

Chiaramente vanno montati solo nel senso di marcia. 

Se il bambino viaggia nel sedile anteriore, conviene allontanare il sedile dal cruscotto, ma lasciare inserito l’airbag. 

Seggiolini bivalenti o trivalenti.

Vi sono dei seggiolini che coprono più fasce di peso. 

Seggiolini 0+/1

Dalla nascita a 18 kg. Possono essere posizionati sia in senso contrario, che nel senso di marcia. 

Spesso questi seggiolini hanno basi auto integrate che facilitano la reclinabilità dello schienale, con maggiore comodità del bambino. 

Possono essere agganciati sia con le cinture di sicurezza che con il sistema isofix. 

Gruppo 1/2/3 

Da 9 a 36 kg. Questi seggiolini seguono l’aumento di peso del bambino. 

Gruppo 2/3 

Da 15 a 36 kg. Sono rialzi, ma hanno un grande schienale che assicura la protezione contro gli urti laterali. 

Seggiolini auto. Consigli prima dell’acquisto.

Acquistare un seggiolino idoneo per peso o altezza

Se il veicolo ha gli attacchi Isofix, acquistare un seggiolino di questo tipo. 

Guardate sempre se il seggiolino ha l’etichetta omologazione ECE R44.04 o .03 o R129.  in quest’ultimo caso i sedili dell’auto devono essere predisposti con la dicitura “i-size “

Ogni seggiolino deve avere l’etichetta di omologazione. 

Conviene provare a montare il seggiolino. Controllate le cinture. Il seggiolino deve fissarsi bene. Non deve traballare o dondolare. 

Controllate che tutte le parti, cintura, cinghie, guide, fibbie e ogni altra parte, non abbiano danni.

Vanno bene i seggiolini usati?

State attenti. A meno che non conosciate personalmente chi lo vende, e sapete che si tratta di un seggiolino omologato recente e usato poco.

Infatti con l’uso i componenti di polistirolo espanso, la parte che assorbe gli urti, si degradano e diminuisce la loro sicurezza. 

Articoli correlati:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.