Misurare la febbre al tuo bambino. Non è così semplice come sembra.

Come misurare la febbre al tuo bambino? 

Con tutti i tipi di termometri a disposizione, la scelta non è facile per i genitori. 

In questa pagina trovi i miei consigli per orientarti in questa scelta.

Andrea ha iniziato la scuola materna da pochi mesi, ed ha praticamente sempre il raffreddore e tosse.

Spesso mi sembra che sia caldo e gli misuro la febbre.

Uso un termometro digitale all’ascella ma ho sentito dire che non è molto preciso.

Ho visto in farmacia dei termometri auricolari e altri addirittura senza contatto alla fronte. In pochi secondi danno la temperatura.

Il farmacista mi ha detto che i più precisi sono quelli ecologici di vetro.

Ma li deve tenere 4-5 minuti e Andrea si agita e scappa.

Lei cosa ne pensa?

Non è semplice scegliere un termometro per misurare la febbre del tuo bambino.

Effettivamente oggi scegliere un medoto di misura è molto più complicato di quando ero piccolo io (oltre 50 anni fa…).

Allora c’era solo il termometro a mercurio.

Mi ricordo ancora quando avevo la febbre. Mia madre lo metteva sotto l’ascella per 5 minuti, poi …. aspirina.

Ora non si usa più nessuna delle due cose.

Il mercurio è troppo tossico (e pensare che, quando si rompeva, mi piaceva giocare con le piccole bolle di argento sul pavimento….)

E l’aspirina in un bambino rischia di provocare, in caso di infezione virale, una insufficenza gravissima del fegato.

Scusami per il ricordo personale e ritorno alla risposta.

Se usati bene, seguendo le indicazioni del produttore e acquistando strumenti di qualità, i termometri digitali e auricolari hanno una precisione accettabile, dimostrata in diverse ricerche scientifiche.

Anche noi li utilizziamo in ambulatorio e in ospedale.

Ma non vanno bene per tutte le fasce di età.

Vediamo quali sono i metodi per le varie età, i termometri appropriati e come funzionano.



Attenzione: Le informazioni contenute in questo sito sono solo a scopo educativo generale, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. Leggete il documento”termini e condizioni”.

Quando si parla di febbre?

A che livello di temperatura il mio bambino ha la febbre?  Il livello normale è sui 37, quindi al di sopra è febbre vero?

Non è esattamente così.

Il valore di temperatura normale e che significa febbre dipende dal metodo di misura che usi. (1-4)

Per riassumere diciamo che:

Se prendi la temperatura rettale, considera febbre se la temperatura è uguale o superiore a 38°C

Nel caso di utilizzo di un termometro auricolare, o se si prende la temperatura orale, la febbre è un valore uguale o superiore a 37.8 °C

considera febbre se la temperatura è uguale o superiore a 37.2°C

Valori più bassi si trovano spesso, in diversi momenti della giornata, in bambini senza alcuna malattia o sintomo.

Soprattutto dopo un pasto, o se ha pianto, o se ha corso.

Quale termometro uso per misurare la febbre?

Il metodo consigliato per misurare la febbre ai bambini cambia da nazione a nazione,  e spesso anche da medico a medico.

Infatti c’è chi preferisce sempre la temperatura ascellare, altri quella rettale, ecc…

A mio parere bisogna fare convivere la necessità o meno di una precisione assoluta della febbre, con il confort e la fattibilità della misura.

Infatti provare a prendere la temperatura rettale ad un bambino di 2 anni che piange, è abbastanza irrealistico.

Ho in casa un termometro a mercurio, va bene vero?

Assolutamente no!

Il mercurio è molto tossico e se li hai devi buttare questi termometri, per non correre in rischio di intossicazione accidentale.

Se proprio siete affezionali al termometro di vetro, per pochi euro potete acquistare in farmacia un termometro a Galinstano. Puoi vedere qui maggiori informazioni su questi termometri.

Sono uguali esteticamente a quelli a mercurio, ma il Gallistano non è tossico.

Però hanno il problema che devono restare in sede per 5 minuti (sono utili quindi solo per temperatura ascellare) e, se sono in vetro, questo rischia di rompersi.

Per fortuna oggi abbiamo a disposizione molti strumenti rapidi, non fastidiosi per il bambino e affidabili.

Ad esempio dei termometri digitali, per misurare la temperatura ascellare o rettale (o orale).

Questi termometri hanno un sensore sulla punta. Possono avere diversi tipi di sensore a seconda del loro utilizzo.

Poi abbiamo i termometri a raggi infrarossi, ad esempio per la misura della temperatura all’orecchio.

Personalmente sconsiglio i termometri frontali, con o senza contatto. Nelle prove che ho fatto in ambulatorio, e in studi clinici recenti, non sono precisi come gli altri.

I miei consigli sulla misura della febbre

Ma veniamo alle mie raccomandazioni di cosa usare alle varie età.

Sulla base delle Linee Guida che trovate alla fine dell’articolo e della mia esperienza quotidiana, queste sono le indicazioni per i genitori dei miei pazienti.

Tengo anche conto delle ricerche più recenti sugli ultimi modelli di termometri.

Il metodo di misura dipende dall’età del tuo bambino, se è un neonato di qualche mese o piu’ grande.

Questo perchè varia la precisione di cui abbiamo bisogno e anche la possibilità di riuscire a prendere la temperatura.

Ricordo prima una cosa importante, che devi sapere.

Prima di utilizzare gli strumenti che ti indico, bisogna sapere bene come funzionano e la tecnica di utilizzo.

Soprattutto per i termometri più tecnologici, come quello auricolare e frontale.

Le ricerche dimostrano che sono sufficentemente precisi, ma solo se si usano bene. E se vengono puliti e tenuti con cura.

Altra cosa che ti consiglio è, se misuri la febbre con la temperatura rettale e ascellare, di comprare due termometri digitali, uno per la rettale e uno per l’ascellare.

Così riduci il rischio di infezioni.

Come misurare la febbre al neonato? Nei primi tre mesi?

A questa età è fondamentale sapere con certezza se il bambino ha febbre o no, anche solo a 38.0 °C

Perchè?

Perchè a questa età vi è un maggiore rischio di infezioni pericolose, e in caso di febbre il bambino va visitato presto, soprattutto se non ha altri sintomi, come raffreddore o tosse.

Senza aspettare il giorno dopo.

Per questo motivo io consiglio, nel sospetto di febbre, di prendere la temperatura con un termometro digitale flessibile per via rettale.

Alcuni istituti, anche importanti (come gli ospedali inglesi) consigliano invece la temperatura ascellare ma a mio parere è meno precisa.

Recenti ricerche indicano che anche  la temperatura presa con termometri frontali è accurata anche nel neonato.

Ma la temperatura rettale resta quella di riferimento, lo standard, la più precisa.

Oltre alla precisione, che hanno quasi tutti i termometri digitali, la caratteristica più importante di questi termometri è la velocità, per ridurre al minimo il disturbo del bambino.

Puoi trovare maggiori informazioni qui sui termometri rettali.

E se il mio bambino è più grande?

Allora vi sono diversi metodi, anche perchè non è indispensabile una misura precisa al decimo di grado.

Misurare la febbre da 3 a 6 mesi di età

Dai tre a sei mesi di età la prima scelta è la temperatura rettale o ascellare.

Da questa età in poi diverse richerche dimostrano che è abbastanza affidabile anche la temperatura frontale, con strumento a raggi infrarossi con o senza contatto con la pelle.

I termometri senza contatto hanno il vantaggio di poter essere usati anche quando il bambino dorme. Negli ultimi anni sono usciti in commercio diversi modelli abbastanza economici e con buona precisione.

Tuttavia a questa età io consiglio comunque il termometro rettale o ascellare.

Qui puoi trovare maggiori informazioni sui termometri digitali ascellari.

Misurare la febbre da 6 mesi a 4 anni di età

A partire dai sei mesi puoi utilizzare, oltre al termometro ascellare, anche i termometri infrarossi auricolari

È fondamentale leggere e seguire bene le istruzioni di utilizzo che si trovano nella confezione. Altrimenti la misura non sarà affidabile.

Naturalmente puoi anche usare, anche se non facile, la misura rettale, se il bambino ha un minimo di collaborazione.

Qui puoi trovare maggiori informazioni sui termometri auricolari. A mio parere un buon strumento, che utilizzo, è il Braun Thermoscan 7.

Misurare la febbre da 4 anni di età in poi

Da questa età puoi usare tutti i termometri.

Infatti puoi, ad esempio, utilizzare i digitali per la temperatura ascellare o nella bocca.

Personalmente sconsiglio di prendere la temperatura rettale a questa età, perchè tollerata male e con potenziali rischi.

Naturalmente puoi utilizzare anche i termometri auricolari 



Misurare la Febbre al Bambino: Referenze Bibliografiche

1. Roy S e al. Temporal artery temperature measurements in healthy infants, children, and adolescents. Clin Pediatr (Phila). 2003 Jun;42(5):433-7

2. Oguz F et alt. Axillary and Tympanic Temperature Measurement in Children and Normal Values for Ages. Pediatr Emerg Care. 2016.

3. Chamberlain J e al. Determination of Normal Ear Temperature using an infrared emission detection thermometer. Annals of Emergency Medicine. 1995

4. Braun S. Temperature Measurement in Paediatrics. Paediatric Child Health 2000

Pin It on Pinterest

Share This