Anti Zanzare per Bambini. Le 10 Raccomandazioni da non Dimenticare (Video)

bambina in prato ocn orsacchiotto

Applicate la Quantità Minima di Prodotto E solo sulla pelle esposta, per evitare un assorbimento eccessivo della sostanza attiva. Non applicate il prodotto sulla pelle sotto ai vestiti. Guardate la pelle del bambino prima di applicare il repellente Per evitare un eccessivo assorbimento, distribuite il prodotto solo su pelle sana. Non va messo su zone … Continua a Leggere

Anti Zanzare Bambini e Repellenti insetti 2019. Quali i Migliori per Età?

mamma spruzza repellente antizanzare a bambino

Quando si esce con il bambino nelle giornate o serate di primavera o estate, è fondamentale proteggerlo dagli insetti, e l’utilizzo di un prodotto anti zanzare bambini è fondamentale. Inoltre se si passeggia in campagna o in un bosco, può essere utile proteggere il bambino anche dalle zecche. Tuttavia sono moltissimi i repellenti disponibili in … Continua a Leggere

Anti Zanzare Neonati e Bambini. Cosa Usare per Proteggerli? Come?

bambini che si prendono per mano

Protezione insetti e anti zanzare neonati e bambini. Quali metodi e prodotti usare? Non è semplice trovare un metodo o un prodotto anti zanzare neonati o bambini piccoli o grandi.  Uscire di casa insieme è molto importante per bambino e genitori, ma bisogna proteggerlo dagli insetti, soprattutto in primavera o estate. Conviene proteggere il neonato … Continua a Leggere

Un tempo eccessivo davanti alla televisione a 2 anni è associato ad uno stile di vita poco sano all’adolescenza.

[et_pb_section fb_built=”1″ admin_label=”section” _builder_version=”3.0.47″][et_pb_row admin_label=”row” _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.0.47″ parallax=”off” parallax_method=”on”][et_pb_text admin_label=”Text” _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”] Un gruppo di ricercatori dell’Università di Montreal hanno trovato una associazione tra una eccessivo tempo davanti alla televisione di bambini piccoli, sui 2 anni, e lo sviluppo, quando saranno adolescenti, di uno stile di vita poco sano. … Continua a Leggere

Intolleranza al Lattosio nei bambini. Cos’è, come Sospettarla e cosa fare?

caraffa di latte

Il mio bambino ha spesso la pancia gonfia al mattino, e anche qualche scarica di feci liquide. Per colazione prende sempre il latte. Potrebbe avere un’allergia o intolleranza. Si. Potrebbe avere un’intolleranza al lattosio, che è lo “zucchero” del latte. Non va confusa con l’allergia alle proteine del latte vaccino, che ha un meccanismo completamente … Continua a Leggere

Leggere ad alta voce ai bambini. Un’altra ricerca che mostra i benefici per imparare a leggere.

bambino che legge

Ormai non ci sono dubbi sui benefici della lettura ad alta voce al tuo bambino. In questa ricerca, pubblicata nella rivista American Journal of Psychology, viene ribadito che è meglio esporre il bambino anche al linguaggio scritto dei libri, oltre che al linguaggio orale delle normali conversazioni. Perchè? Con l’ascolto del linguaggio orale dei genitori … Continua a Leggere

14 tra i migliori libri per neonati e nel primo anno di vita, da leggere con il tuo bambino.

mamma che legge a bambino

Mario, sei mesi, sembra davvero interessato quando gli apro un libro, o anche una mia rivista.  Cerca di toccare le pagine e mi guarda, sorride e cerca di parlare quando gli leggo.  Ma quali sono i libri migliori per lui?  Leggere ad alta voce con il tuo bambino. È davvero importante quello che fai.  Leggere … Continua a Leggere

Primo Anno di Vita. Quali sono i Segni di Ritardo Psicomotorio?

bambina piccola che gioca su un tappetino

Luca ha 6 mesi. Sono un pò preoccupata perchè se gli metto davanti un bel giocattolo, non cerca di prenderlo con la mano e portarlo alla bocca. Poi mi guarda raramente e mi sorride poco. Potrebbero esserci dei problemi? Meglio che richiedo una visita pediatrica? Si, il bambino potrebbe avere un ritardo psicomotorio o un … Continua a Leggere

Il raffreddore del bambino. Cosa è importante sapere?

bambina con raffreddore

Il raffreddore è una delle malattia più frequenti dei bambini, soprattutto quelli che frequentano il nido o la scuola materna. Qui trovi una guida completa per conoscerlo e quindi affrontarlo nel modo migliore. Che cos’è il raffreddore e da cosa è causato? Il raffreddore è causato da virus. È una infezione acuta, che guarisce da sola, … Continua a Leggere

11 tra i migliori libri per bambini 3 anni fino a 5 anni, per leggere insieme.

padre legge libri per bambini 3 anni

Leggere ad alta voce con il tuo bambino. Leggere ai bambini, condividere un libro, è una delle attività fondamentali per aiutarli a sviluppare le sue conoscenze e per mettere le basi per l’apprendimento della lettura e l’amore per i libri. Leggere con il tuo bambino è cruciale, ha davvero tantissimi benefici Ogni età del tuo … Continua a Leggere

11 tra i migliori libri per bambini 2 anni fino a 3 anni, da leggere insieme.

padre che legge a bambino

Leggere ad alta voce con il tuo bambino. Leggere ai bambini, condividere un libro, è una delle attività fondamentali per aiutarli a sviluppare le sue conoscenze e per mettere le basi per l’apprendimento della lettura e l’amore per i libri. Leggere con il tuo bambino è cruciale, ha davvero tantissimi benefici Soprattutto nei primi tre … Continua a Leggere

14 tra i migliori libri per Bambini 1 anno fino a 2 anni. Da leggere insieme.

bambino che legge

Leggere ad alta voce con il tuo bambino. Leggere ai bambini, condividere un libro, è una delle attività fondamentali per aiutarli a sviluppare le sue conoscenze e per mettere le basi per l’apprendimento della lettura e l’amore per i libri. Leggere con il tuo bambino è cruciale, ha davvero tantissimi benefici Soprattutto nei primi tre … Continua a Leggere

Diabete nei bambini. Cos’è, come si manifesta e come si cura?

glicemia diabete

Iscriviti Qui alla Newsletter

Introduzione.

La frequenza del diabete nei bambini è in continuo aumento.

In particolare la malattia tende a comparire in bambini sempre più piccoli.

La cosa più importante da ricordare è che se il tuo bambino beve e urina tanto, anche di notte, oppure ha ripreso a fare la pipì a letto, chiama il pediatra.

Ma cos’è il diabete? Perchè la glicemia è alta? Quali  sono i sintomi?

Vediamo.

 

Il diabete. Una malattia descritta già nei papiri egiziani

Le urine dolci come il miele

II Diabete Mellito è una malattia antica; era già conosciuta 20 secoli fa e se ne ritrovano le tracce nella storia della medicina.

La parola “diabete” deriva dal greco e significa sifone o fontana (perchè i pazienti urinavano continuamente, come una fontana appunto).

La parola “mel­lito” significa dolce come il miele, rifacendosi alla presenza di zucchero nelle urine.

Gli egiziani hanno citato la malattia diabetica in un papiro che risale al 1550 a.c. Nella medi­cina tradizionale indiana, che risale al V secolo d.C., i medici avevano scoperto che le urine dei pazienti con diabete attiravano le mosche.

A lungo nella storia della medicina si pensò che il diabete fosse una malattia renale; nel 1679 un medico inglese, Thomas Willis, descrisse come “magnificamente dolci” le urine dei pazienti diabetici.

Infatti per fare la diagnosi si “assaggiavano” le urine.

Non so se avrei fatto il medico allora!!

Circa 100 anni dopo un medi­co di Oxford per primo osservò che c’erano alti livelli di zucchero nel sangue dei dia­betici; ciò lo spinse a supporre che lo zucchero venisse perso con le urine prima di esse­re utilizzato.

 

La scoperta dell’insulina

Solo nel 1889 venne scoperta la chiave per capire la reale causa della malattia dia­betica.

In quell’anno infatti Paul Langherans scoprì che all’interno del tessuto pancreatico erano presenti dei gruppi di cellule non connessi con gli altri processi digestivi pancreatici; inoltre egli osservò che se queste cellule venivano danneggiate si sviluppava una situazione simile al diabete.

Da allora queste cellule vennero chiamate “Isole di Lan­gherans” e si cominciò a pensare che fossero in grado di produrre una sostanza chi­mica (ormone) in grado di opporsi al diabete.

Questi studi furono confermati da Von Mering e Minkoswki che scoprirono come era possibile causare il diabete in un animale da esperimento con la rimozione del pancreas.

Da allora tutti gli sforzi dei ricercatori si indirizzarono ad individuare l’estratto pan­creatico che fosse in grado di curare il diabete che fino ad allora era una malattia incu­rabile.

Per prolungare la sopravvivenza per uno o due anni, l’unica soluzione era una dieta rigidissima e assolutamente povera di calorie, qualche centinaio al giorno. I bambini diventavano così magrissimi, ma almeno sopravvivevano per qualche anno o mese in più.

Finalmente, nel 1921 i canadesi Banting e Best isolarono l’insulina e la utilizzarono nel famoso esperimento sul cane Margjorie, tenuto in forma nonostante l’assenza del pancreas.

II giovane Leonard Thomson è passato alla storia come il primo diabetico curato con l’insulina nel 1922; dopo alcuni anni l’insulina fu posta in commercio e ad essa devono la vita milioni di persone.

 

 

Ma a cosa serve l’insulina? E cosa succede quando manca o non funziona?

Per poter produrre qualsiasi tipo di attività fisica, mentale o metabolica, il nostro corpo ha bisogno di energia che gli viene fornita dalle cellule attraverso la combustione di un carburante di prima scelta rappresentato dal glucosio.

II glucosio è uno zucchero semplice di vitale importanza come fonte di energia per tutte le cellule dell’organismo, in particolare per il cervello ed i muscoli.

Ad ogni pasto introduciamo nel nostro orga­nismo numerosi alimenti come pane, pasta, patate, frutta che contengono gli zuccheri.

Questi zuccheri, durante i processi digestivi, vengono trasformati in glucosio che può così attraversare la parete del piccolo intestino ed entrare nel sangue dove si accumula.

 

Cosa fa l’insulina?

Il glucosio, per poter essere utilizzato, ha bisogno dell’insulina che, come una chiave, apre la porta delle cellule consentendo al glucosio di entrarvi.

La quanti­tà glucosio in eccesso, sempre grazie all’insulina, viene depositata nel fegato sotto forma di gli­cogeno e nelle cellule adipose sotto forma di trigliceridi: queste costituiscono le riser­ve di carburante a cui attingere durante il digiuno grazie all’azione del glucagone (ormo­ne ad azione opposta all’insulina).

Quindi la funzione dell’insulina è quella di regola­re i livelli di zucchero nel sangue.

Il pancreas delle persone che non hanno il diabete infatti produce insulina giorno e notte per mantenere il glucosio nel sangue a livelli costan­ti, non troppo bassi né troppo alti.

Avere il diabete significa che non viene prodotta insulina in quantità suf­ficiente per soddisfare le esigenze dell’organismo con il conseguente incremento dei livelli di glucosio nel sangue.

 

I due tipi principali di diabete.

Diabete Mellito di Tipo I

Questa forma di Diabete rappresenta circa il 25% del totale di tutti i pazienti diabetici, e il 90% dei casi di diabete nei bambini.

Può colpire persone di ogni età ma si presenta maggiormente nella fascia compresa tra 0 e 30 anni, con due picchi di incidenza uno attorno ai 5 anni ed uno più importante tra i 10 e i 12 anni, durante lo sviluppo puberale.

In Italia l’incidenza annuale (numero di nuovi casi in un anno) è diversa da regione a regione con un massimo in Sardegna; in Lombardia e nelle altre regioni del continente questa incidenza è di 8-10 casi ogni 100.000 abitanti/anno, mentre in Sardegna è circa cinque volte tanto.

 

Cause del diabete tipo I

Questo tipo di diabete è determinato dalla distruzione delle cellule che produ­cono insulina, raccolte nelle Isole di Langherans nel pancreas.

Ciò conduce ad una pro­gressiva diminuzione della produzione di insulina, con il conseguente incremento dei livelli di glucosio nel sangue.

Oggi sappiamo che il Diabete Mellito di Tipo I è una malattia autoimmune.

Cosa significa?

II nostro sistema immunitario, che ha la funzione di difenderci dagli agenti estranei all’or­ganismo, come batteri e virus, per motivi che ancora non si conoscono attacca le proprie cellule di Langherans, proprio come normalmente fa per un agente esterno.

Questo processo distruttivo, dal momento in cui si innesca, è molto lento e può richiedere anche diversi anni per giun­gere a termine.

Infatti, spesso diversi mesi o anni prima della comparsa del diabete, nel diabete tipo I si possono trovare nel sangue degli auto-anticorpi specifici.

I primi sintomi della malattia insorgono quando circa l ’80-90 % delle cellu­le sono state distrutte, quindi al momento dell’esordio clinico è ancora presente una certa quota di cellule che producono insulina.

Per questo motivo, durante i primi 6-12 mesi di malattia, il fabbisogno insulinico è basso ed in alcuni casi va riducendosi fino alla sospen­sione delle iniezioni, la così detta “Luna di Miele”.

Difficilmente questa situazione dura più di un anno dall’esordio; infatti dopo questo periodo tutte le cellule sono state irreversibilmente distrutte.

Ma come avviene il processo che porta” disregolazione” del sistema immunita­rio?

A tutt’oggi non sono note le cause che innescano questa meccanismo distrut­tivo ed il suo reale svolgimento.

E’ noto tuttavia che non esiste un unico agente causale, ma che la malattia dipende dal­l’interazione tra loro di diversi fattori.

 

Predisposizione genetica

Dai genitori vengono trasmessi al bambino dei geni (probabilmente più di 10) che lo predispongono ad avere la malattia diabetica.

Ciò non significa che il diabete si pre­senterà sicuramente (come avviene per le malattie ereditarie), anzi! La stragrande mag­gioranza di questi soggetti “predisposti” non lo svilupperà mai, poiché non viene in con­tatto con l’agente scatenante.

La predisposizione genetica è confermata dal fatto che il 30% dei gemelli identici svi­luppano entrambi il diabete e che circa il 5% dei familiari di primo grado (genitori, fra­telli e figli) di una persona diabetica diventano diabetici anch’essi.

 

Fattori ambientali

Vi sono dei virus o delle vaccinazioni che provocano il diabete?

Si suppone che uno o probabilmente più di un fattore presente nell’ambiente sia in grado di innescare il processo distruttivo cioè, in un individuo predisposto, l’attivazione della risposta immunitaria.

Sfortunatamente ad oggi ci sono solo ipotesi (virus?, dieta?, altro?) ma nessun fattore concreto è stato identificato.

 

Diabete Mellito di Tipo II

È la forma di diabete che colpisce normalmente le persone al di sopra dei 40-50 anni di età ed è associato al sovrappeso.

Questi pazienti rappresentano oggi la maggioranza della popo­lazione diabetica.

La malattia non è di tipo autoimmune, ma ha una notevole componente ereditaria: infatti circa il 90% dei gemelli identici sono entrambi diabetici.

Il paziente affetto da Diabete tipo II (Non Insulino-Dipendente) produce insulina, poiché il suo pancreas è intatto, ma in quantità non sufficiente per controllare i livelli glicemici.

È facile capi­re quindi perché questi soggetti, a differenza dei giovani con diabete tipo 1, vengono trattati con la die­ta e l’esercizio fisico regolare oppure con l’utilizzo di farmaci che sono in grado di sti­molare la secrezione di insulina (ipoglicemizzanti orali).

Soprattutto recentemente, ad esempio in Ame­rica, Asia e Australia, viene diagnosticato un numero sempre maggiore di diabete tipo II  in ragazzi e adolescenti in sovrappeso.

Questo fenomeno è da favorito anche dall’alta prevalenza di obesità infantile

 

Come posso spiegare a mio figlio cos’è il diabete?

Non è un compito facile.

Da un giorno all’altro vi trovate a dover imparare molte cose, e il vostro bambino deve subire controlli glicemici, iniezioni, esami.

Qui puoi trovare risorse davvero utili, anche storie a fumetti, per rendervi più facile il compito di spiegargli la sua malattia.

Ti presento anche un bellissimo video educativo, in nglese ma con sottotitoli.

 

Diabete nei bambini. Come si manifesta?

Come e state spiegato, nel Diabete di Tipo I, a causa della insufficiente produzione di insulina, i livelli di zucchero nel sangue aumentano progressivamente.

Quando la glicemia (concentrazione di glucosio nel sangue) supera il valore di 180 mg/dl una parte degli zuccheri in eccesso viene eliminata con le urine.

E questo spiega molti dei sintomi.

 

Sintomi del diabete nei bambini.

Dal momento che lo zucchero ha bisogno di molta acqua per essere diluito, compare frequentemente come primo sintomo cioè l’eliminazione di elevate quantità di urine. Il bambino va sempre in bagno o ha sempre il pannolone pieno.

Quando i livelli di glicemia sono molto alti è necessario alzarsi per urinare anche durante la notte.

E infatti bambini di 3-4 anni che hanno raggiunto l’autonomia, possono ricominciare a bagnare il letto.

Inoltre, dato che vengono persi molti liquidi con le urine, questi devono essere reintegrati; ecco allora che si associa un altro sintomo detto polidipsia, ovvero una sete intensa.

Il bambino vuole bere continuamente.

Poi, come detto sopra, con le urine vengono perse importanti quantità di liquidi che determinano secchezza della cute e delle mucose cioè disidratazione.

Spesso il bambino dimagrisce.

La perdita di peso e spiegata dal fatto che le cellule, pur disponendo di livelli elevati di zucchero nel sangue, a causa della mancanza di insulina non lo possono utilizzare, quindi sfruttano delle fonti energetiche di seconda scelta come grassi di deposito e le proteine muscolari.

Chiaramente poi compare un’intensa stanchezza pur in assenza di attività.

Successivamente, se non si fa la diagnosi e non si interviene con insulina, succede questo.

I grassi utilizzati come carburante “di seconda mano” producono delle scorie, i corpi chetonici (come l’acetone) che vengono eliminati attraverso il sangue, nelle urine e nell’aria espirata (alito acetonemico).

L’acetone aumenta la stanchezza e provoca mal di pancia e vomito.

Se questo processo dura a lungo il bambino va in una condizione grave che si chiama chetoacidosi , che può portare al coma chetoacidotico, grave situazione acuta che richiede il ricovero ospedaliero urgente.

 

Si può guarire dal diabete giovanile?

Il diabete colpisce in modo improvviso un bambino o un adolescente e tutta la sua famiglia.

Vi è sempre uno sconvolgimento emotivo, con speranze che si mescolano a diverse preoccupazioni per il futuro.

Poco a poco i ragazzi e i loro genitori prendono coscienza di questa situazione inattesa. Essi dovranno adeguarsi e poi, in modo più positivo e attivo, iniziare ad accettarla.

Se la diagnosi è una cosa, la prognosi è un’altra e molto più importante per tutti noi. “Allora dottore, potrà guarire il mio bambino?”

Attualmente sarebbe ipocrita rispondere, senza dubbi, “sì” a questa domanda, però è possibile precisare “non ancora, ma ci sono buone speranze di arrivarci un giorno”.

 

Come si cura il diabete tipo 1 del bambino?

Nel diabete insulino-dipendente, dato che il pancreas non produce più l’insulina, occorre somministrarla dall’esterno.

L’insulina si può somministrare attualmente solo con iniezioni, poiché se viene assunta per bocca viene distrutta nello stomaco. Come vedremo dopo, l’iniezione è praticamente indolore, poiché l’ago che utilizzano le siringhe (o le penne per iniezione), è molto corto e sottile.

La somministrazione di insulina può essere effettuata anche con particolari strumenti detti microinfusori.

 

L’insulina è  una sostanza (un ormone) molto delicata dal punto di vista biochimico.

Se fosse ingerita, come una compressa, verrebbe distrutta subito dai potenti succhi gastrici dello stomaco.

All’inizio l’insulina era di origine animale, estratta dal maiale o di origine bovina.

Attualmente le insuline sono di sintesi e la loro struttura è identica a quella di origine umana. Vi sono vari tipi di insulina, con inizio di azione più o meno rapido, e che hanno diversa durata di azione.

 

Il pancreas artificiale? Ci stiamo avvicinando.

Un punto fondamentale, e che non si riesce ancora a restituire al giovane con diabete, è quello dell’automaticità del rifornimento di insulina, cioè fare in modo che egli riceva automaticamente una certa quantità di insulina, tanta o poca, in modo automatico, a seconda delle sue necessità.

Ricordiamo che il pancreas, prima del diabete, produceva l’insulina in modo finemente regolato a seconda della glicemia, di minuto in minuto, giorno e notte, prima e dopo i pasti. Recuperare questa funzionalità equivale in pratica ad ottenere la guarigione del diabete.

La ricerca sta cercando di arrivare a questo obiettivo, con lo studio e la sperimentazione di sistemi che assomiglino ad un pancreas artificiale.

I nuovi microinfusori, collegati a sensori glicemici, sono già in grado di fermare automaticamente  la somministrazione di insulina in caso di glicemia bassa.

Si stanno sperimentando sistemi che possano aumentare l’insulina in caso di glicemia alta, come dopo un pasto.

 

 

Conclusioni

Il diabete nei bambini è una malattia che può essere grave, se non diagnosticata precocemente.

È molto importante che i genitori portino il bambino dal medico ai primi sintomi.

Se il tuo bambino urina e beve più del solito, o ricomincia a fare la pipì a letto, POTREBBE AVERE IL DIABETE!

Con le risorse e conoscenze disponibili oggi, occorre riconoscere che il diabete si cura molto bene, ma non si può ancora guarire.

Potete vedere altre informazioni sul diabete del bambino in questa pagina dell’Ospedale Pediatrico Bambin Gesù, di Roma.

 

Diritti d’autore immagini articolo

Continua a LeggereDiabete nei bambini. Cos’è, come si manifesta e come si cura?

Misurare la febbre al tuo bambino. Non è così semplice come sembra.

bambina misura la febbre

Come misurare la febbre al tuo bambino?  Con tutti i tipi di termometri a disposizione, la scelta non è facile per i genitori.  In questa pagina trovi i miei consigli per orientarti in questa scelta. Andrea ha iniziato la scuola materna da pochi mesi, ed ha praticamente sempre il raffreddore e tosse. Spesso mi sembra … Continua a Leggere

Misurare la Febbre e Termometri. Le Evidenze Scientifiche.

evidenze scientifiche

[et_pb_section bb_built=”1″ _builder_version=”3.0.47″][et_pb_row _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text admin_label=”Testo introduzione” _builder_version=”3.0.106″ background_layout=”light”] In questa pagina trovi gli articoli scientifici più importanti e recenti su tutti i vari aspetti della misurazione della febbre e sull’affidabilità di termometri. Ho scelto solo articoli scientifici pubblicati su riviste autorevoli, quindi con metodologia più valida, e con ricerche su pazienti … Continua a Leggere

Il probiotico L. Reuteri è efficace per le coliche nei neonati?

Si, secondo uno studio pubblicato su Pediatrics nel dicembre 2017. Se il tuo bambino ha delle coliche, sicuramente ti interessa questa ricerca. Una delle più importanti riviste pediatriche al mondo ha pubblicato uno studio che indica che un particolare probiotico, il Lactobacillus Reuteri DSM 17938, è efficace nelle coliche dei neonati allattati al seno. Ma … Continua a Leggere

Quali sono i segni che il mio bambino può avere una malattia grave e urgente?

bambino ammalato

Giulio, 2 anni, mi sembra strano questa mattina. Non vuole giocare, e sta sempre coricato. Forse ha fame. Provo a dargli una bella tazza di latte con i suoi biscotti preferiti. Di solito li divora contento. Oggi no.  Addirittura li allontana con la mano.  Sento la fronte, ma è fresca. Niente febbre.  Però mi accorgo … Continua a Leggere

Pin It on Pinterest